SCAVI DI OPLONTIS

Da: €15.00

Il percorso di visita si snoda all’interno della Villa di Poppea, seconda moglie di Nerone, una delle più sontuose ville di epoca romana

Categoria: Tag:

Descrizione prodotto

Il toponimo Oplontis indica una località tra Ercolano e Pompei, corrispondente all’attuale Torre Annunziata, che nell’antichità si configurava come centro residenziale del suburbio pompeiano in cui sorsero splendide ville. I primi ritrovamenti avvennero in epoca borbonica, quando venne alla luce un impianto termale romano nei pressi della villa di Caio Siculio, in seguito sacrificata dalla costruzione della ferrovia. 

L’area archeologica di Oplontis attualmente visitabile interessa un vasto quadrilatero in cui si estende la villa di Poppea Sabina, seconda moglie di Nerone, scavata sistematicamente soltanto a partire dal 1964. Il complesso è stato portato alla luce solo in parte a causa dello sbarramento costituito dal Canale del fiume Sarno e dalla fabbrica militare dello Spollettificio

La villa di Poppea è senz’altro la più sontuosa delle ville romane di otium dell’area vesuviana sepolte dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C. La sua attribuzione a Poppea è dovuta al rinvenimento di un’iscrizione su un’anfora scoperta nel sito. L’edificio era costituito da una struttura compatta articolata tra portici, terrazze e ambienti residenziali, arricchita da un notevole impianto termale e con un bellissimo giardino organizzato a vialetti e aiuole. La villa, costruita nel I a.C., venne ampliata nel I d.C. con l’aggiunta di un secondo nucleo con zone aperte. Per estensione e apparato decorativo la villa di Oplontis rappresenta un unicum: negli affreschi, infatti, è stata addirittura riconosciuta la mano di Fabullus, artista di grande fama e autore delle pitture della Domus Aurea di Nerone.  Le pitture di II stile sono da considerarsi tra le migliori rinvenute nel mondo romano, con soggetti mitologici e naturalistici che si inseriscono sapientemente in giochi prospettici. Di forte impatto scenografico è l’affresco della “sala dei pavoni” in cui colonne corinzie poggianti su un alto podio inquadrano colonnati prospettici e, al centro, un cancello aperto che lascia intravedere un giardino. Non mancano, infine, esempi di pitture in III e IV stile.

Informazioni aggiuntive

Ore di cammino

Facile

Durata

1-3 Ore

Giorni della settimana

Lunedi, Martedi, Mercoledi, Giovedi, Venerdi, Sabato, Domenica

Recensioni


Be the first to review “SCAVI DI OPLONTIS”

*


CHIUDI
CLOSE